L’aspetto più bello dell’equitazione è sicuramente il rapporto che si crea tra cavallo e cavaliere. Un legame basato sul rispetto reciproco, lo scambio e la collaborazione, le discipline dell’equitazione non rientrano in nessun modo in un rapporto di dominazione o di sfruttamento dell’animale. Il cavallo è sempre stato uno strumento per l’uomo. E’ stato utilizzato come mezzo di trasporto, da lavoro, nel campo di battaglia e come destriero di grandi condottieri.

Le Discipline del Salto

Il salto ad ostacolo consiste in un percorso ad ostacoli da superare. L’altezza degli ostacoli varia in base alle categorie e spazia dai 40 cm a 1,60 m e possono superare i 2 metri nelle gare di potenza. Ci sono con categorie intermedie ad esempio per i pony con ostacoli non oltre i 105 cm e categorie con maggiori difficoltà tecniche come nel Gran Premio. Le gare di salto ad ostacoli possono compiersi su due tracciati differenti che vanno dai 700 metri fino ad un massimo di 1000 metri. La gara ad ostacoli prevede che i cavalieri saltino 12 ostacoli nelle gare da 700 metri e di 15 ostacoli nelle gare di 1000 metri. L’andamento del cavallo è  sostenuto ad una media di 350 -400 metri al minuto. Il Concorso Completo di Equitazione è una competizione con classifica combinata composta da tre prove nelle quali si evidenzia l’addestramento, le doti fisiche e il rapporto cavallo-cavaliere.   Le prove sono il Dressage, Salto ostacoli e Cross-Country. Anche in questo caso, le prove si distinguono in diverse prove con difficoltà che variano in base alla categoria.

Le Corse e le Andature

Le Corse e le Andature
Le Corse e le Andature

Dressage è una disciplina equestre che si fonda prevalentemente sull’addestramento del cavallo. Mettendo in evidenza le andature naturali e le abilità del cavallo. Il cavallo esegue movimenti in arie determinate su un campo di forma rettangolare di dimensioni 20×40 metri per le gare di basso livello e 20×60 in quelle di livello medio alto. Il dressage come le altre discipline ha diverse categorie: E (elementare), F (facile), M (media), D o Grand Prix (difficile). Il livello più alto Grand Prix e Grand Prix Special, è anche quello con il quale i cavalieri partecipano alle olimpiadi. Le figure di dressage risiedono molto nel binomio cavallo-cavaliere e sono prestabilite, dalla FISE. Nell’ambito del dressage vi è anche il Kur (o freestyle) della categoria M, ambito nel quale il cavaliere esegue una ripresa che ha ideato personalmente con i movimenti obbligatori della categoria, accompagnati da musica. Il ritmo della musica deve seguire il più possibile il ritmo del cavallo e devono essere presenti tutte e 3 le andature: passo, trotto e galoppo. L’equitazione essendo uno sport elegante ha tutta una sua tenuta d’abito che riguarda nello specifico il casco, la giacca che deve essere solo blu o nera, la camicia con cravatta, pantaloni bianchi e stivali in tinta con la giacca.